Un nuovo inizio per il Museo dell’aeronautica Gianni Caproni

dav

Un nuovo inizio per il Museo dell’aeronautica Gianni Caproni. Oggi ho presentato la collezione dei 273 oggetti storico-artistici che fanno parte della collezione Caproni e che, da alcuni giorni, sono stati trasferiti in comodato gratuito alla Fondazione Museo storico del Trentino alla quale, proprio dal 1° luglio, è stato affidata la gestione del Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni in base ad una convenzione con la Provincia autonoma di Trento. Si tratta di dipinti e sculture, ma anche di un nucleo di aeromobili originali di rilievo mondiale.

Si tratta di un’occasione straordinaria per costruire reti e sinergie non solo con le realtà museali trentine, ma anche con gli altri soggetti del territorio, imprenditoriali, del mondo della scuola e della cultura. Ho voluto anche ricordare il velivolo costruito dai ragazzi dell’Istituto Martino Martini di Mezzolombardo, nonché il percorso di alta formazione professionale di tecnico manutentore di elicotteri, come pure “Kilometro Azzurro”, il Distretto Aeronautico Trentino che sta nascendo proprio in via Lidorno.